A caccia di chiavi: un caso sociale, parte 1

Iniziamo le pubblicazioni con un argomento forse un pò strano, ma che mette in luce come, quando per una causa comune (e non per forza nobile), centinaia e forse migliaia di persone riescono a collaborare attivamente e in maniera efficace.

Di che chiavi parla il titolo? No, non sono le chiavi di casa e nemmeno quelle della vostra auto. A volerla dire tutta non sono nemmeno degli oggetti fisici, ma semplici lettere e numeri dell’alfabeto, che però riescono ad aprire una porta importante, quella di Internet!

I più smaliziati hanno già forse capito di che stiamo parlando: si, proprio loro, le password di accesso dei nostri modem/router, quelli che usiamo inconsapevolmente coi nostri computer, tablet o smartphone per accedere ad internet.

Una domanda nascerà spontanea a molti: mi prendi in giro? Come può una banale password scatenare un caso sociale? Partiamo dall’inizio…

Qualche annetto fà (sarà stato il 2009, o giù di lì…) nella mente di uno dei tanti blogger italiani, appassionato di sicurezza informatica, si insinuò un dubbio, e cioè che le chiavi di accesso preimpostate dei modem/router di una famosa compagnia telefonica nostrana non fossero “casuali”, ma che probabilmente, con qualche magheggio matematico ed un pò di pazienza, fosse possibile trovarle e sfruttarle a proprio piacimento!

Ma ci pensate?? Mi basta una calcolatrice, un foglio di carta ed una penna, e come per magia scopro quale é la password per scroccare la connessione ADSL del mio odiato vicino di casa, il tutto senza spendere un centesimo bucato !!!

Il tizio in questione, non solo ci aveva visto giusto, ma scrisse un bel post sul suo blog nel quale condivideva la sua teoria ed anche quale fosse la complessa manovra matematica da compiere per ottenere quel succulento codice!

Malgrado il suo fosse un semplice studio fine a se stesso, senza scopo di lucro, la cosa catturò l’interesse di molti visto il numero di commenti che cominciarono ad inondare quel post.

E, sebbene la procedura descritta non fosse nemmeno quella giusta, era ormai troppo tardi: aveva messo in moto qualcosa di grande, dai risvolti e dagli impieghi pratici davvero variegati…

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

*