Separazione, cambiano le regole: addio all’assegno di mantenimento

Separazione e divorzio, in arrivo novità che rivoluzioneranno l’intera materia
Da settembre un nuovo disegno di legge sui temi della separazione sarà discusso in Parlamento. Il ddl, proposto dal senatore della Lega Pillon, ha intenzione di rivoluzionare l’intera materia della separazione e dell’affidamento dei figli. Se il disegno di legge dovesse essere approvato, sarebbero molte le novità che andrebbero ad innovare il diritto famigliare. Con la nuova legge cambierebbero sia le modalità che i costi della separazione, ma le novità più importanti riguarderebbero l’affidamento dei figli e l’assegno di mantenimento che oggi, troppo spesso, impoverisce i padri che già di per sé non vivono in una situazione economica agiata. La nuova legge però andrebbe a sfavorire il genitore più povero, rendendo comunque disagiata la condizione di mamma o papà separato. Ma quali sono le novità principali del disegno di legge?

Disegno di Legge, quali sono le novità che potrebbero essere introdotte
Chi vorrà separarsi dovrà rivolgersi ad un mediatore familiare, come previsto dagli articoli 7 e 22 del disegno di legge. Questa figura professionale è a pagamento ed è a carico di chi vuole separarsi. Un incontro con il mediatore costerà alle coppie circa 50€ a seduta. A questi occorre aggiungere il costo degli avvocati. La separazione costerà dunque centinaia di euro alle famiglie italiane. La mediazione potrà essere interrotta in ogni momento se non ve ne sarà bisogno, ma il giudice potrebbe decidere di non escludere questa figura professionale.

La novità più importante del disegno di legge è l’eliminazione dell’assegno di mantenimento a favore del genitore più svantaggiato economicamente, tranne in rari casi. Il disegno non terrà conto del genitore che non ha un lavoro. L’art. 11 del progetto di legge prevede inoltre che chi non ha la possibilità di tenere il figlio in casa perché non ha spazi adeguati non ha il diritto di tenerlo con sé in tempi paritetici, ovvero uguali all’altro genitore.

Norme nuove anche per quanto riguarda la casa in comune: se questa, in via eccezionale, viene affidata ad uno dei due genitori, questo deve versare all’altro un’indennità di occupazione soggetta a tassazione.
Separarsi costerà dunque di più, e soprattutto costerà di più mantenere un figlio per il genitore che avrà il minore a carico. I genitori svantaggiati economicamente rischieranno inoltre di non poter vedere spesso il figlio, data la norma che prevede l’obbligo di adeguati spazi per far sì che il minore stia con il genitore.

Il minore deve passare uguale tempo con i genitori

ha dichiarato il senatore della Lega Pillon, che ha proposto il disegno di legge.

Quando entrerebbe in vigore la nuova materia
Se il disegno di legge dovesse essere approvato, potrebbe entrare in vigore già da dicembre.
Intanto ci sono già pareri positivi, come quello dell’avvocato Marco Meliti, presidente nazionale Dpf-Associazione Italiana di Diritto e Psicologia della Famiglia:

di Josephine Carinci
fonte:www.passionemamma.it

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

*