Surimi:Ma quale polpa di granchio!Del granchio non c’è nemmeno l’ombra!Solo aromi e additivi

Ci fanno credere che il surimi è composto da polpa di granchio quando del granchio non vi è nemmeno l’ombra!Tutti scarti aromi e additivi nocivi per la salute.

Non tutti lo sanno, ma lo possono immaginare: il sapore di granchio del surimi viene ottenuto con l’impiego di aromi artificiali, infatti di polpa di granchio non c’è traccia.

Viene chiamato polpa di granchio,ma nel surimi, non c’è alcuna traccia di granchio vero. Anche la percentuale di pesce è molto bassa, rispetto al peso globale.
Ma allora perchè il prodotto ha fatto successo soprattutto nelle tavole degli italiani?
Semplice,perchè è economico, facile da mangiare e gustoso,ma quando si scopre di cosa è composto..forse il gusto e la sua semplicità nel mangiarlo passano in secondo piano…

Principalmente, è composto di parti di scarto della lavorazione industriale dei pesci, come lo sgombro, il merluzzo, il suri e le carpe asiatiche. Il sapore di granchio che lo caratterizza è creato artificialmente con esaltatori del gusto e aromatizzanti chimici. Il macinato bianco che si ottiene dalla prima lavorazione, infatti, è completamente insapore, perciò vi si aggiungono additivi che ne aumentano il gusto e colorano di arancione la superficie esterna dei bastoncini. Tra le sostanze che vengono aggiunte ci sono il sale, zuccheri, polifosfati e coloranti. Oltre a ciò, il 60% del peso del surimi è dato dalla fecola di patate, dall’albume d’uovo, grassi vegetali, aromi artificiali, glutammato monosodico,olio di colza e di palma.

Quindi ci sono tutti i presupposti per considerare il surimi un falso cibo,un prodotto spacciato per polpa di granchio… senza granchio….
A tutta questa “messa in scena” però si aggiungono i rischi per la salute che questo prodotto comporta,perchè visto che i produttori non sono obbligati a specificare quali varietà ittiche sono utilizzate,si corre il serio rischio di acquistare surimi fatto con prodotti ed alimenti di scarsissima qualità ,magari infetti e nocivi,e con conservanti ed additivi pericolosi.

fonte:jedasupport.altervista.org

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

*