UCCISA DALL’ABUSO DI PARACETAMOLO A 19 ANNI, LA MADRE DENUNCIA: “NESSUNO PARLA DEI RISCHI”

L’abuso di paracetamolo uccise la figlia, adesso la mamma ha vinto parte della sua battaglia sull’informazione dei danni che il principio attivo può causare.

Charlotte è morta 4 anni fa, all’età di 19 anni, dopo aver assunto quantità eccessive di paracetamolo. Dispiaciuta dalla fine della sua relazione, usava il farmaco come antidolorifico, ma in grandi quantità, fino a quando non è stata male e portata in ospedale.

Assunto in grandi dosi, come riporta Metro, il farmaco può causare gravi danni al fegato e ai reni fino ad uccidere, come nel caso di Charlotte.
«Non fate come mia figlia», ha scritto la mamma della ragazza sui social, «Adulti e adolescenti devono conoscere le conseguenze che può avere un semplice farmaco da banco».

fonte:www.leggo.it

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

*