Vaccini Scuola, come funzioneranno i controlli sulle autocertificazioni per l’iscrizione a scuola

“I controlli sulle autocertificazioni presentate dai genitori dei bambini per attestare le avvenute vaccinazioni, o la prenotazione delle prestazioni sanitarie, ai fini dell’iscrizione a scuola, ci saranno e non saranno solamente ‘a campione’, ma puntuali e affidabili grazie all’Anagrafe vaccinale. In caso di inadempienza i presidi saranno allertati e ricordo che, se si certifica il falso, se ne risponde penalmente”. Lo dice ad AdnKronos Salute il direttore sostituto della Uoc Centro vaccinazioni internazionali e attività vaccinali della Asl Roma 1, Anna Maria Rombolà.

Controlli con Anagrafe vaccinale
A Roma nei centri vaccinali “la situazione è abbastanza tranquilla – assicura l’esperta – anche perché non tutti i cittadini sono rientrati dalle ferie. Stiamo ricevendo comunque chiamate per le prenotazioni e ci aspettiamo un afflusso maggiore nelle prossime settimane, ma inferiore a quello dello scorso anno. Molte famiglie infatti hanno già effettuato le vaccinazioni, si tratta ora di dare accesso ai nuovi nati per le prime iniezioni. Attualmente vige l’ultima circolare del ministero della Salute, che prevede un’autocertificazione delle vaccinazioni, utile soprattutto per chi proviene da altra regione ed è in attesa di ottenere la documentazione o per chi l’ha smarrita. Pochi casi, dunque, ed è bene precisare che ormai le scuole inviano direttamente alla Regione le liste dei loro alunni e sulla base di queste, grazie all’Anagrafe vaccinale, vengono effettuati controlli puntuali e i dati rinviati alle scuole, dove i presidi in caso di inadempienza prendono i provvedimenti previsti”.

Vaccini, le coperture sono in crescita
“In attesa dell’emendamento al decreto Milleproroghe approvato al Senato, ma non ancora alla Camera, che sposta il divieto di accesso alla scuola per gli alunni non vaccinati al prossimo anno, o di una eventuale modifica della legge come annunciato dall’attuale Governo – prosegue Rombolà – speriamo che l’impianto della normativa venga mantenuto nella sua parte essenziale. Altrimenti si rischia di minare la credibilità dei programmi vaccinali agli occhi della popolazione. Oltretutto, la legge ha dato ottimi risultati: in un solo anno le coperture nel Lazio sono passate per l’esavalente a ben il 96,8% e per il morbillo al 95,8%. Sono auspicabili comunque interventi in grado di limare la farraginosità di alcuni punti della normativa e magari anche di mitigare le sanzioni alle famiglie”.

Tutti i dati verranno verificati
Secondo l’esperta comunque “la circolare ministeriale non cambia di molto la situazione rispetto all’anno 2017-2018: si sta dando la possibilità, ai fini dell’iscrizione, di autocertificare le vaccinazioni o le prenotazioni, come avvenne l’anno scorso. Però, comunque, i dati verranno verificati: di fatto si ribadisce soltanto che la mancata certificazione non comporta la decadenza dell’iscrizione. E, ripeto, saranno in pochi ad aver bisogno di presentare una autocertificazione. I cittadini afferenti alla nostra Asl, ad esempio, ricevono immediatamente il certificato, che ha anche indicata la dicitura ‘in regola’ o ‘non in regola’”. Non si dovrebbe quindi sfuggire, per ora, all’obbligo vaccinale.

fonte:www.today.it

Lascia un Commento

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.I campi obbligatori sono evidenziati *

*

*